IL CORPO DELLE DONNE

Il 60% della televisione e composto dal corpo femminile.quando si vede uno spettacolo televisivo non si fa altro che mettere il mostra il corpo femminile in tutte le sue forme, ma questo avviene non solo in televione , ma anche  in qualsiasi business dello spettacolo.basti pensare che c'è un calendario di una bella donna dello spettacolo e si vendono milioni di copie,ci sono persone che grazie al corpo femminile hanno fatto miliardi su miliardi di dolari, basta pensare alla rivista playboy che ha un patrimonio dichiarato di 22,30 milioni i dollari annui, e 165 dipendeti, ma non solo le riviste l'industria del porno che per anni anno guadagnato milioni di dollari, dovete pensare che Secondo una ricerca condotta nel 2012 da Extreme Tech, quasi il 30% del traffico Internet mondiale sarebbe fatto da contenuti per adulti: Xvideos, la più grande piattaforma online di film a luci rosse, da sola collezionerebbe quasi 5 miliardi di pagine viste al mese, quasi la metà di quelle registrate da Wikipedia.Vi dice qualcosa il nome MindGeek? È una società canadese fondata nel 2007 che gestisce un centinaio di siti che consumano più banda di Facebook, Amazon o Twitter. MindGeek è il secondo provider del porno: possiede alcuni dei più importanti aggregatori di video porno , i “tube sites” (chiamati così perché imitano il formato YouTube) come PornHub, YouPorn e RedTube, che ogni giorno (e ogni notte) distribuiscono enormi quantità di pornografia gratuita finanziata con la pubblicità.

Il business dell'intrattenimento per adulti vale circa 15 miliardi di dollari all'anno. Dalla rassicurante e gaia casalinga che stende il bucato alla graffiante e provocatoria top manager tutta curve, il corpo femminile occupa da sempre un vastissimo spazio nella pubblicità,un accoppiata vincente che da sempre è stata sfruttata per reclamizzare ogni sorta di prodotto dalle pagine delle riviste agli schermi televisivi fino all’era multimediale del web. Ma quali messaggi veicola il corpo femminile nella pubblicità? Queste “icone rosa” sono soggetti o oggetti del marketing mass-mediatico.siamo cresciuti in una società dove il corpo femminile delle donne sono constantemente trasformati in cose e oggetti.Cindy crawford disse vorrei assomigliare a cindy crawford. Lorella zanardo Lorella Zanardo ha messo in rete un documentario che parla proprio di questo argomento che io vi ho proposto in questa pagina, realizzato con Cesare Cantù e Marco Malfi Chindemi, che si proponeva di innalzare il livello di consapevolezza sull’immagine delle donne nella tv italiana. L’autrice racconta qui la genesi del documentario, le reazioni che ha suscitato, l’interesse inaspettato da parte delle giovani generazioni, la necessità di uscire dagli stereotipi per giungere a una nuova definizione del femminile. Inoltre, mette a fuoco nuovi strumenti di lettura dell’immagine televisiva e dei messaggi che questa veicola. in conclusione lo spettacolo sotto tutte le sue forme non potrebbe esistere, e non guadagnerebbe cosi tanti soldi se non ci fosse il corpo femminile.

Post popolari in questo blog

LA MOGLIE DI PABLO ESCOBAR

L'ora legale

L’orgia più grande del mondo