domenica 10 maggio 2015

IL GENOCIDIO IN RWANDA

Nel 1994, la popolazione del Ruanda di sette milioni era composto da tre etnie: Hutu (circa l'85%), Tutsi (14%) e Twa (1%). Nei primi anni 1990, gli estremisti hutu all'interno dell'élite politica del Ruanda accusato l'intera popolazione minoranza tutsi per crescenti pressioni sociali, economiche e politiche del paese. Attraverso l'uso della propaganda e costante manovre politiche, Habyarimana, che era il presidente, al momento, e il suo gruppo ha aumentato le divisioni tra Hutu e Tutsi, entro la fine del 1992. La Hutu ricordato negli ultimi anni di governo oppressiva Tutsi, e molti di loro non solo risentito ma anche paura della minoranza.il 6 aprile del 1994, un aereo che trasportava il presidente Habyarimana, un hutu, è stato abbattuto. La violenza è iniziata quasi subito dopo. Sotto la copertura della guerra, estremisti hutu hanno lanciato i loro piani per distruggere l'intera popolazione civile Tutsi. I leader politici che avrebbero potuto essere in grado di prendere in mano la situazione e di altri oppositori di alto profilo dei piani di estremisti Hutu sono stati uccisi immediatamente. Tutsi e le persone sospettate di essere tutsi sono stati uccisi nelle loro case e mentre cercavano di fuggire ai posti di blocco istituiti in tutto il paese durante il genocidio. Elenchi di oppositori del governo sono stati distribuiti alle milizie che andavano ad uccidere loro e tutte le loro famiglie.Neighbours ucciso vicini e alcuni mariti anche ucciso le loro mogli tutsi, dicendo che sarebbero stati uccisi se si fossero rifiutati. A quel tempo, le carte d'identità avevano gruppo etnico del popolo su di loro, in modo da milizie istituito posti di blocco dove i tutsi sono stati macellati, spesso a colpi di machete che la maggior parte dei ruandesi. Migliaia di donne Tutsi furono tolti e conservati come schiave del sesso.la missione delle Nazioni Unite non è riuscito a fermare il massacro.Un anno dopo che le truppe Usa sono stati uccisi in Somalia, gli Stati Uniti erano determinati a non essere coinvolto in un altro conflitto africano.Ruanda è sempre stata una società strettamente controllata, organizzata come una piramide di ogni distretto fino alla cima del governo. Il partito di governo poi, MRND, aveva un ala giovanile chiamato Interahamwe, che è stato trasformato in una milizia per effettuare la macellazione.i  nomi di coloro che ad essere uccisi sono stati letti alla radio. Anche sacerdoti e suore sono stati condannati di uccidere le persone, tra cui alcuni che hanno cercato rifugio nelle chiese.L'RPF ben organizzato, sostenuto dall'esercito ugandese, a poco a poco sequestrato più territorio, fino al 4 luglio, quando le sue forze hanno marciato nella capitale, Kigali. Circa due milioni di hutu - sia civili che alcuni di coloro che sono coinvolti nel genocidio,sono fuggiti oltre confine, in Repubblica Democratica del Congo, a quel tempo chiamato Zaire, temendo attacchi di vendetta.l genocidio in Ruanda ha direttamente portato a due decenni di disordini in Congo, che sono costati la vita di circa cinque milioni di persone. Oggi fortunatamente e un paese che in rapida crescita economica e tcnologica e anche molto attiva su twitter.Quasi due milioni di persone sono stati processati in tribunali locali per il loro ruolo nel genocidi.