TEX WILLER LA STORIA

Tex è una serie a fumetti creata nel 1948 da Gian Luigi Bonelli e Aurelio Galleppini,ed edita dalla Sergio Bonelli Editore. È la più famosa e duratura serie a fumetti italiana di sempre, nonché la testata di punta della casa editrice milanese.Le avventure inedite con protagonista Tex Willer vengono pubblicate mensilmente nell'albo a fumetti Tex, edito dalla Sergio Bonelli Editore nel tipico formato delle pubblicazioni bonelliane.In principio il fumetto fu pubblicato nel classico formato a striscia (16,5 X 8 cm) caratteristico dell'epoca.Di queste raccolte ne uscirono tre serie: la prima vide luce tra il 1949 e il 1950 per un totale di soli sette albi.la seconda (detta serie bianca) uscì tra il 1950 e il 1966 e conta 132 albi; la terza (detta serie rossa) è composta da 194 albi usciti a partire dal 1956.Nel 1952 ci fu il primo tentativo di una ristampa cronologica della serie in un formato ad albo. Nacque così la collana quindicinale Albi d'Oro, che chiuse i battenti nel 1960 dopo 8 serie e 205 numeri.Tex nacque nel 1948 più come esperimento artigianale che come fumetto destinato a divenire un fenomeno editoriale, oggetto negli anni seguenti anche di indagini sociologiche e tesi di laurea e che dopo sessant'anni ancora viene venduto in tutte le edicole. Tex è il primo personaggio dei fumetti ad offrire un diverso punto di vista sui nativi americani dell'epopea Western, che non appaiono più come macchiette stereotipate di selvaggi, ma come popoli dotati d'una evoluta e radicata cultura.Il nome del ranger fu ispirato dall'insegna di un negozio milanese, "Tex Moda.Ispirandosi al quartetto reso celebre da Dumas padre (D'Artagnan ed I tre moschettieri), Gian Luigi Bonelli ha incentrato il suo fumetto su quattro co-protagonisti al servizio della giustizia. Pur non presenti in tutte le avventure, i tre pards di Tex sono di frequente al suo fianco. Carson è il personaggio con maggiore presenza negli albi, infatti è presente in quasi tutte le storie, mentre i restanti due, il figlio Kit e Tiger, si vedono meno assiduamente venendo impiegati con più parsimonia specie dagli autori che sono succeduti al creatore, con la scusa dell'incarico di gestire la riserva Navajo, che fa da base ai pards. Se il duo composto da Tex e Carson è la formazione più utilizzata, negli anni sono state proposte tutte le possibili combinazioni, tra le quali spicca quella del quartetto completo, preferita in modo particolare nelle storie di ampio respiro.Tex Willer: Il protagonista della serie, un veloce e prestante pistolero del West di 40/45 anni (tranne i primi albi), è inizialmente un fuorilegge, ma ben presto viene arruolato nel corpo del ranger del Texas, dove conosce colui che diventerà il suo miglior amico: Kit Carson. In seguito dopo aver rassegnato le dimissioni, rientrerà in servizio non effettivo, restando a disposizione per particolari incarichi assegnatigli dal comando, che, solo Tex, spesso assistito dagli altri tre pards, può risolvere. Questo singolare inquadramento non gli impedisce di usare la stella di ranger ogni qualvolta ne ravvisi la necessità. Tex è inoltre il capo supremo di tutte le tribù Navajos, da questi conosciuto con il nome di Aquila della Notte, e assolve per conto del governo degli Stati Uniti l'incarico di agente indiano della stessa riserva pellerossa. Di carattere fermo e risoluto ed imbattibile nell'uso delle armi da fuoco come nella lotta corpo a corpo, Tex è il più pericoloso avversario che un criminale possa incrociare sulla sua strada, sempre pronto ad intervenire in aiuto del più debole in nome della giustizia, anche a costo di scontrarsi con la legge, ma sempre seguendo un suo codice morale. Grazie alle innumerevoli imprese Tex, Carson, Kit e Tiger sono molto famosi in Arizona e in tutto il West, e arrivano a guadagnarsi l'appoggio e l'amicizia di personaggi molto influenti tra cui perfino il Presidente degli Stati Uniti. Kit Carson: Conosciuto dagli indiani con il nome di Capelli d'Argento, è presente fin dal primo numero, La mano rossa, quando aveva circa 30 anni, nel quale è già un ranger di grande fama, infatti è stato lui a istruire e a far diventare Tex, che era un giovane ranger inesperto, quello che è adesso. È un gran fuoriclasse sia con le pistole che con il Winchester, come Tex. È rappresentato (eccetto che nei primi dieci numeri) con i capelli, i baffi e il pizzetto bianchi, ma, nonostante l'età di circa 50/55 anni, è ancora agile e scattante e si rivela un prezioso alleato anche nelle risse. È brontolone e pessimista e si irrita se qualcuno lo chiama "nonnetto" a causa della sua candida capigliatura. Ha la reputazione di essere un donnaiolo. Memorabili sono i dialoghi con Tex nei quali puntualmente fa il ruolo dello jettatore, contrastando decisamente con il carattere sicuro e ottimista dell'amico. Dei 3 pards che accompagnano Tex è quello che appare di più nelle varie avventure poiché gli altri due sono spesso impegnati a badare alla riserva Navajo, è anche il pard con più esperienza e, come "gerarchia", è il secondo dopo Tex.Kit Willer: Dai Navajo chiamato Piccolo Falco, è il figlio di Tex e della sua moglie indiana Lilyth. Appare fin dai primi numeri ma è solo a partire dal dodicesimo he è abbastanza cresciuto da seguire Tex nelle sue missioni, con un'età di circa 18 anni. Tex gli dà quel nome in onore del suo amico Carson, che ne è il padrino e a cui si rivolge simpaticamente con il termine di "Zio". Viene fatto studiare da Tex nella missione di Santa Anita, con la prospettiva di avviarlo alla carriera militare, ma Kit preferisce seguire le orme paterne, diventare ranger, ed andare in giro per il West a scontrarsi con fuorilegge e criminali. Tex lo ha addestrato nell'uso delle armi da fuoco e conosce tutti i trucchi indiani, che gli sono stati insegnati da Tiger Jack nella riserva Navajo in cui è cresciuto.Tiger Jack: Compare per la prima volta nell'ottavo albo Due contro cento, ed è un guerriero Navajo fratello di sangue di Tex. Ha iniziato a seguire il ranger nelle sue avventure dopo la scomparsa di Lilyth ed è diventato nel tempo un compagno insostituibile, specialmente nelle storie che hanno come protagonisti i nativi americani. A differenza degli altri tre pard Tiger usa preferibilmente il Winchester, in modo eccelso naturalmente, pur non distegnando le colt, il coltello, l'arco e il tomahawk. La sua specialità sta nel trovare tracce e seguire piste, dove è insuperabile. L'età non è nota, si può però presumere che sia di 35/40 anni, pertanto Tiger è più giovane di Tex di pochi anni.Alcune storie di Tex vedono come co-protagonisti o contengono citazioni di personaggi storici, oppure fanno riferimento ad eventi realmente accaduti. Si tratta in genere di piccole forzature che sembrano avere più che altro lo scopo di rendere più credibile la trama narrata, omaggiando nel contempo alcune celebrità dell'epopea western.Fra gli anni sessanta e settanta Gianluigi Bonelli lavorò ad una trasposizione cinematografica del fumetto che, però, non vide mai la luce. Fondò una sua casa di produzione, la "Condor cinematografica" con sede a Milano, scrisse di suo pugno la sceneggiatura basandosi sulla storia Fort Defiance pubblicata nel 1969, scattò alcune foto per le possibili ambientazioni e contattò Charlton Heston e Jack Palance proponendogli l'interpretazione di Tex e Kit Carson.Nel 1985 esce nelle sale cinematografiche italiane il film Tex e il signore degli abissi, trasposizione della storia narrata negli albi dal n. 101 al n. 103. Diretto da Duccio Tessari, con Giuliano Gemma nelle vesti del ranger, è un tentativo certamente non riuscito di bissare sul grande schermo il successo ottenuto dal fumetto. Nelle intenzioni dei produttori era previsto un seguito come serial televisivo, se il film avesse riscosso il consenso del pubblico.Negli anni settanta alcuni episodi della saga sono trasmessi da Supergulp! I fumetti in TV, storica trasmissione per ragazzi della RAI, che presentava cartoni a immagine fissa tratti da fumetti italiani e stranieri (quelli che oggi, realizzati con una tecnica più elaborata, chiameremmo motion comics). All'inizio degli anni ottanta, altri episodi realizzati con la stessa tecnica vengono trasmessi da Tex & Company (insieme ad episodi di Zagor, del Comandante Mark, di Ken Parker e di altri eroi della scuderia Bonelli), altro contenitore per ragazzi. In questi cartoni la voce di Tex apparteneva a Renzo Stacchi, quella di Kit Willer a Roberto Del Giudice, Tiger Jack a Marco Bonetti.Tex è stato anche protagonista di alcuni videogiochi sviluppati dalla software house italiana Simulmondo all'inizio degli anni novanta.La canzone Tex contenuta nell'album Litfiba 3 del gruppo rock italiano dei Litfiba, pur scritta in riferimento ad altri temi, è un indiretto omaggio al fumetto.

FONTE WIKIPEDIA

Post popolari in questo blog

LA MOGLIE DI PABLO ESCOBAR

L'ora legale

L’orgia più grande del mondo