IL BLUES LA STORIA

Intorno al 1890, il blues è emerso come una forma distinta di arte afro-americana, radicata nel sud degli Stati Uniti e il disegno su canti di lavoro e di urla, tradizione popolare, spirituals neri, e la musica popolare del tempo. Guardando indietro al 1890, si può speculare sulla influenza africana nella struttura musicale del blues come cresciuto dalla cultura degli schiavi e la memoria della schiavitù. Guardando avanti al 1890, un momento di transizione in America e di speranze deluse per i neri nella risorgente Jim Crow Sud, si può vedere il blues come una forza potente sia shaping e plasmato dall'evoluzione della cultura popolare americana (dai "race records "mania del 1920 attraverso il blues alimentato roccia rivoluzione del dopoguerra) e la storia delle relazioni razziali in bianco e nero del secolo avanti.Blues è entrato in proprio come una parte importante della nuova cultura popolare nazionale del paese nel 1920 con la registrazione, prima, delle grandi donne del blues classico cantanti e, quindi, dei folk blues paese cantanti del Delta del Mississippi, il Piemonte della Carolina e Texas. Come un gran numero di afro-americani hanno lasciato il Sud (guidata da condizioni tristi socio-economiche e la speranza di una vita migliore al di sopra della linea Mason-Dixon) tra il 1915 e il 1940, il blues  si è radicato nei centri urbani di il Nord, in particolare Chicago. I, blues elettrico più urbane che si sono sviluppate e eclissato il blues rurale degli anni '30 alimentati direttamente in entrambi il rock and roll e che sarebbe diventato noto come rhythm and blues. Con il folk revival degli anni 1950 e '60, il pubblico bianco "riscoperti" e respirato nuova vita commerciale nei folk blues (e alcuni dei restanti bluesmen del Delta che aveva languiva nell'oscurità dal 1930).Ma dire che il blues era o è solo che contorno scheletrico è come descrivere un essere umano usando solo descrizioni di DNA e processi genetici., un eminente scrittore ha suggerito, è accaduto ", a seguito di un gruppo di persone è costretto a entrare di un altro storia." 11 La storia del blues, allora, è la storia degli afroamericani raccontata attraverso la storia della loro più popolari musica. Il blues è la storia delle frustrazioni del fallito radicale ricostruzione, di violenza e di oppressione nella Jim Crow sud, della disperazione della mezzadria, e delle lotte del movimento dei diritti civili. La storia del blues è la storia della cultura nera giungere a una posizione di rilievo e influenza nella società americana. E 'la storia delle donne del blues classici i cui record-prime "razza" registrazioni punte ad un mercato enorme per la produzione culturale afro-americana precoce, e dei giovani liberali bianchi e intellettuali che cercavano i blues rurale come artefatto di svanire passato agricolo dell'America. E 'la storia della cultura presente ispirazione ritrovamento in passato culturale. Ma forse più fondamentalmente, la storia del blues è una delle relazioni razziali americane, un documento di lotta e di conflitto, da una parte. ma anche un suggerimento di qualcosa di universalmente umano, che solo potrebbe indicare la strada verso un futuro più Premessa sulla comprensione e la cooperazione.Per ascoltare il blues classico regina Ma Rainey dicono che, "i bianchi sentono il blues uscire, ma non sanno come sia arrivato lì. per ora, si può iniziare con una dichiarazione meno controversa: il blues si è evoluto come una forma d'arte decisamente afro-americano.in termini di cronologia, la maggior parte degli studiosi cominciano la loro storia del blues in o intorno 1619, l'anno in cui i primi africani sono stati portati in America come schiavi. La tratta degli schiavi in ​​quanto tale ha continuato finché il Congresso legiferato sua fine 1 gennaio 1808. Ma nel corso di quasi due secoli, il continuo afflusso di africani (diverse centinaia di migliaia di loro) nella sudamericano ha creato una dinamica cultura transatlantico degli schiavi che avrebbe generato un unico ricca tradizione musicale e un groviglio impossibile di influenza e di innovazione che confondere gli storici. L'accesso al mondo mentale di un popolo che, dopo essere stati tenuti in gran parte analfabeti di perpetuare la loro sottomissione, a sinistra poco in termini di documentazione scritta, si pone come un problema per ogni studente della cultura degli schiavi. Ma gli storici e gli etnomusicologi hanno avuto un po 'di fortuna a guardare i documenti e reperti culturali del tardo Ottocento e di inizio Novecento e lavorando a ritroso.  questo significa confronto tra la musica afro-americana del post-Civil War Sud con stili musicali dell'Africa occidentale e alla ricerca di un terreno comune. Alcuni autori sostengono di vedere più somiglianze che gli altri, ma per lo meno, ci sono un paio di congruenze notevoli: simile senso metronomica, flatting delle stesse note della scala, chiamata e risposta canto, e l'uso di tecniche vocali distintivi.Chiaramente, gli africani portati in America come schiavi portati qualcosa della loro musica con loro. In molti casi, i capitani delle navi di schiavi costretti anche loro prigionieri a cantare e ballare a bordo, credendo che l'esercizio potrebbe aiutare a mantenere in buona salute durante la navigazione transatlantica notoriamente duro conosciuto come il Middle Passage. Quali rapporti esistono suggeriscono che gli schiavi a volte cantavano lamenti dei loro exile. A dire il vero, che deve essere stato una strana scena la nave affollata come una baraccopoli galleggiante, densamente compresso con prigionieri neri brutalizzati costretti a cantare da frusta -bearing mercanti di schiavi bianchi. La musica sarebbe stato strano ai bianchi, e sicuramente avrebbe significato qualcosa di completamente diverso a ciascuno dei due gruppi. Questo dualismo peculiare della musica tra bianchi e neri si persistono nell'esperienza degli schiavi ed essere notevole nell'evoluzione del blues come una musica piena di doppi sensi.Nelle piantagioni del Sud, dove la schiavitù negli Stati Uniti sempre più si concentrò, black music era un territorio contestato. Alcuni proprietari incoraggiato loro schiavi a ballare e fare musica, pensando che potrebbe fornire un diversivo per gli schiavi - mantenendo così felici e, quindi, meno propensi a ribellarsi o fuga - e per il padrone e la padrona. Altri proprietari hanno una visione meno benigno della musica nera nelle loro piantagioni. Canzoni, si sono resi conto, potrebbero diffondere informazioni e contenuto dei testi, sia in un dialetto africano o semplicemente nei significati raddoppiati che divennero lo stock in commercio del blues, è stato un settore della cultura degli schiavi che esisteva al di fuori del controllo proprietari. Dove potrebbe, poi, la musica nera fiorì, e dalla metà del XIX secolo, gli afro-americani aveva sviluppato una ricca varietà di canti di lavoro, canti popolari e spirituals - sia di quest'ultimo prestito da fonti europee bianche - che hanno accompagnato il violino, banjo, flauto, le ossa, e tamburello.A partire circa 1820, animatori bianchi cominciarono eseguendo canzoni, scenette e danze in Blackface, spesso come i due personaggi stereotipati di minstrelsy, Zip Coon e Jim Crow. Da un lato, queste routine, che erano estremamente popolare negli Stati Uniti-Nord e Sud-per gran parte del 1800 e incentrate su palesemente razzisti, caricature grezze di afro-americano linguaggio e della vita, hanno giocato per far ridere bianchi. Ma dall'altro, minstrelsy servito come veicolo di divulgazione della musica profana nera.alla fine del ventesimo secolo. Gli storici tendono ad agganciare la nascita del blues intorno al 1890, una data suggerita nelle memorie di diversi primi bluesmen e donne. WC. Pratico, , ha ricordato vedendo un musicista nero a una stazione ferroviaria del Mississippi nel 1903, a suonare la chitarra slide con un coltello e il canto sono goin 'dove la Southern Cross Il cane giallo.Nel 1910, un paio di canzoni blues-stile sono stati registrati da cantanti vaudeville bianchi, ma per la maggior parte di proprietà dei bianchi le case discografiche non credeva che un mercato esistente per il blues o, in realtà, qualsiasi tipo di musica afro-americana.ma in generalei passarono inosservati dal resto dell'America e sviluppati in una parte del paese - il tetro, post-radicale ricostruzione del Sud - che la maggior parte degli americani bianchi sembravano per niente interessati al blues.nel febbraio del 1920, Perry Bradford, un compositore afro-americano della musica popolare, registro la cantante nera Mamie Smith. Registrazione di Smith di Bradford di "That Thing Called Love" la sua vendita ando bene  con poca promozione. Prossimo disco di Smith, "Crazy Blues," è diventato un vero e proprio successo per Okeh e il primo record grandi blues. Improvvisamente, la corsa di cash-in sulle cosiddette "race records" è stato acceso. la reazione da parte di alcuni bianchi per la loro liberazione (il boicottaggio del primo disco di Mamie Smith minacciato da numerosi proprietari di negozi bianchi, per esempio), rendono evidente il fatto che gran parte dell'America bianca era ancora impreparato a tollerare musica nera come qualcosa di diverso da un tabù. Dall'inizio del XX secolo, i neri erano stati costretti a rimanere nelle città del Sud in numero crescente. Ma, a partire dal1910, hanno iniziato una migrazione interna enorme per i centri urbani del Nord - in particolare per questa storia, a Chicago. Come i neri si stabilirono nelle città,, e dal 1940,  avevano generato un urbanizzata shoot-off chiamato rhythm and blues (R & B), una molto, molto parente stretto del rock and roll.Un imprenditore  bianco che era inequivocabile nella sua ammirazione per la musica nera (in particolare, il blues elettrico e R & B) è stato Sun Records impresario Sam Phillips. Phillips ha giocato un ruolo fondamentale nelle prime fasi della carriera del bluesmen Howlin 'Wolf e BB King, ma è ricordato soprattutto per essere stato il primo a registrare Elvis. Una delle citazioni più ripetuti nella storia della musica popolare americana è meditazione fatidico di Phillips che se avesse potuto "trovare un uomo bianco che aveva il suono Negro potrebbe fare un miliardo di dollari."  Quell'uomo, naturalmente, si rivelò essere Elvis Presley. il blues di Chicago ha preso una svolta definitiva con l'arrivo sulla scena di McKinley Morganfield, l'uomo che era stato "scoperto" in Mississippi da Alan Lomax nel 1941, ed è stato meglio conosciuto come Muddy Waters. Muddy effettivamente preso quello che gli piaceva migliore circa il blues come era sviluppato a Chicago - chitarra elettrica e un groove più ballabile  lo stile risulta essere conosciuto, in modo appropriato, come il Chicago suono Delta.Muddy ha dominato prima Chicago e poi il blues in generale per la maggior parte dei prossimi decenni. La sua band sfornato maestri musicisti blues, e il suono ha costruito aiutato ha incrociato il grande pubblico bianco che è venuto fuori dal folk revival nel 1960. In effetti, il mercato bianco nazionale per il blues  avrebbero classificato come Muddy loro preferito. nel 1911, un ragazzo di nome Robert Johnson, che era noto a persone diverse in diverse occasioni come Robert Spencer, Robert Dodd, e Little Robert Dusty, ha preso a suonare l'armonica e giro più vecchi bluesmen locali del Delta del Mississippi. A quanto pare, Johnson aveva deciso presto che voleva essere un musicista e prevede di suonare la chitarra. Ma dopo aver sentito suonare, Son House e Willie Brown, due anziani di Johnson che si trovavano di blues eccezionali chitarristi, lo ha incoraggiato a rispettare l'armonica e rinunciare alla chitarra. Non molto tempo dopo, intorno al 1930, Johnson si allontanò dalla zona, magari per un anno o giù di lì. Quando tornò, chiese Son House e Brown se poteva sedersi con loro, e quando suonava la chitarra, lungi dal fare gli errori dei bluesmen anziani aspettavano, Johnson ha rivelato un talento che videro avevano superato il proprio.hanno trovato sostegno nella intensità bruciante e immagini evocative delle sue canzoni, il più famoso "Cross Strade Blues ". Johnson visse il resto della sua breve vita come un bluesman itinerante, vagando il Paese, riprendendo con varie donne, e la riproduzione di danze e juke joint dove andava. Poi nel 1938, dopo aver giocato una danza di campagna vicino a Greenwood, Mississippi, Johnson è stato avvelenato dal marito geloso di una donna locale. Aveva solo 27 anni. diversi anni dopo il mercato e in crescita per i record di gara si erano spinti più in profondità nel sud in cerca di talento non sfruttato. ma per la rinascita della musica popolare che ha avuto inizio nel 1950 e, con la pubblicazione del libro di Samuel Charters The Country Blues (1959), ha suscitato un nuovo interesse nei folk blues, questa volta tra i giovani, abitanti delle città bianche.  All'alba del 1960, la vita e l'arte sembrava essere in marcia in una sorta di pari passo, come simile (e sicuramente in alcuni casi sovrapposte) gruppi di giovani, liberali bianchi scendevano sulle comunità del profondo Sud - gli attivisti Freedom Riders sperando di registrare gli elettori neri e blues revivalisti sperando di trovare bluesmen neri dimenticati. E mentre alcuni dei musicisti superstiti del vecchio stile Delta sono stati accolti alla ribalta e sulle fasi di grandi feste popolari del decennio, John Hammond ha spinto per la prima ristampa dell'opera di Robert Johnson, uscito nel 1961. canzoni di Johnson finalmente trovato la loro modo ad un pubblico non dissimile da quello che aveva sfiorato alla Carnegie Hall nel 1938.d'allora il blues e diventato la musica di tutti regalata dapersone che hanno sofferto.

Post popolari in questo blog

LA MOGLIE DI PABLO ESCOBAR

L'ora legale

L’orgia più grande del mondo