martedì 9 giugno 2015

ZAGOR LA STORIA

Zagor è un personaggio dei fumetti ideato nel 1961 da Sergio Bonelli con lo pseudonimo di Guido Nolitta e reso graficamente dalle matite di Gallieno Ferri.Tuttora edito dopo oltre 50 anni, il personaggio costituisce uno dei più originali e celebri tarzanidi italiani. Le sue storie si caratterizzano per la varietà degli spunti, dei temi, dei personaggi e delle situazioni, con una notevole commistione di generi, dal western al fantasy alla fantascienza. Creduto un essere soprannaturale dagli indiani, che lo chiamano "Spirito con la Scure", Zagor abita con l'amico Cico nell'immaginaria foresta di Darkwood nel selvaggio West degli Stati Uniti ottocenteschi, in una capanna difesa da sabbie mobili e paludi. Strenuo difensore della foresta e dei nativi americani, le sue armi sono la pistola e una scure indiana fatta con una pietra arrotondata.Il vero nome di Zagor è Patrick Wilding[2]. Suo padre, Mike Wilding, è stato un ufficiale dell'esercito e Zagor lo ha visto morire, insieme alla madre Betty, per mano degli indiani Abenaki. È stato allora raccolto da uno strano vagabondo di nome Nathaniel Fitzgeraldson (detto Wandering Fitzy), che da quel momento gli ha fatto da padre. Ha giurato vendetta per la sorte dei suoi genitori ma, nel vendicarsi, ha scoperto che anche suo padre uccise molti indiani innocenti e per questo fu ucciso dagli Abenaki, guidati dal bianco Salomon Kinsky. Zagor prova un forte risentimento verso il padre, da lui ritenuto "un militarista e un massacratore di indiani" (n. 400). Un certo "chiarimento" tra i due si avrà nelle ultime pagine del numero 400 di Zagor corrispondente al 451 Zenith, dal titolo Il ponte dell'arcobaleno e pubblicato a colori come ogni centesimo numero di casa Bonelli.Suo inseparabile compagno è il messicano Cico (il cui nome completo - anche se compaiono varianti infinite - è Don Cico Felipe Cayetano Lopez y Martinez y Gonzales y Rodriguez), grassoccio, basso, perennemente alla ricerca di qualcosa da mettere sotto i denti, un po' tonto, pauroso, ingenuo, e protagonista di siparietti comici, spesso causati dalla sua imperizia. Nonostante questo talvolta le qualità "nascoste" del personaggio sono in grado di stupire positivamente. A Cico, per alcuni anni, è stato dedicato un albo fuori serie, sempre disegnato da Francesco Gamba (tranne i primi cinque, dal 1979 al 1983, disegnati da Gallieno Ferri) nel quale era elevato al ruolo di protagonista.Benché l'ambientazione di Zagor sia prevalentemente western, si differenzia da Tex per l'aspetto assai più fantastico delle sue avventure. Si può dire che il suo è un "western fantastico" (fantawestern). La varietà degli spunti, delle tematiche, dei personaggi e delle situazioni è il fiore all'occhiello dell'intera serie.Il periodo in cui sono ambientate le sue storie è imprecisato, ma da diverse sue avventure si può individuare tra la fine degli anni venti e l'inizio degli anni quaranta del XIX secolo in base a collegamenti con fatti storici (non sempre in corretta sequenza tra di loro). Nelle sue storie infatti Zagor partecipa a eventi ispirati alle seconde guerre Seminole (dal 1835 al 1842); combatte lo scienziato pazzo Hellingen che, nella storia del fumetto, ricatta gli Stati Uniti durante la presidenza di Andrew Jackson (in carica tra il marzo 1829 ed il marzo 1837)[4]; incontra Edgar Allan Poe mentre questi sta trovando l'ispirazione per scrivere la Storia di Arthur Gordon Pym (nel mondo reale scritto tra il 1837 ed il 1838); incontra il pirata Jean Lafitte (la cui data di morte ipotizzata dagli storici varia tra il 1823 ed il 1827); si trova a Concepción, nel Cile, colpita da un tremendo terremoto (febbraio 1835) e qui vi incontra Charles Darwin (che effettivamente documentò la distruzione della città, durante il suo viaggio a bordo del HMS Beagle). Sono presenti tuttavia degli anacronismi, come la presenza di pistole a tamburo e cartucce metalliche, diffuse nella realtà solo a partire dalla metà del secolo.A cavallo fra gli anni settanta e ottanta, nell'ambito della trasmissione televisiva "Tex & Company" (curata da Mauro Boselli e prodotta da Fono Roma e Coronado Productions), sono stati mandati in onda, in varie emittenti locali, i cartoni semianimati di vari personaggi dei fumetti Bonelli; per Zagor, furono realizzati e mandati in onda 5 episodi, tratti dalla serie regolare: "Zagor racconta", "L'isola della paura", "Indian Circus", "Il mio amico Guitar Jim" e "I cacciatori di uomini".

FONTE WIKIPEDIA