TIMOTHY TREADWELL

Per Timothy Treadwell, i grizzly dell'Alaska non erano solo più grandi predatori terrestri del mondo. Erano le sue anime gemelle, la sua salvezza e la sua causa. L'uomo che voleva vivere con gli orsi, anzi, di più: annullare le differenze, diventare uno di loro.Treadwell ha studiato gli orsi grizzly durante la stagione estiva per 13 anni prima di essere divorato da uno di loro. Secondo il suo libro, Tra Grizzlies: Vivere con selvaggi Bears in Alaska, la sua missione di proteggere gli orsi iniziò alla fine del 1980, dopo essere sopravvissuto a un overdose di eroina. Egli sostiene nel suo libro che la sua tossicodipendenza è cresciuto da suo alcolismo. Amante degli animali da quando era un bambino, ha viaggiato in Alaska per vedere gli orsi dopo essere stato convinto da un amico. Ha scritto che dopo il suo primo incontro con un orso selvatico, sapeva di aver trovato la sua vocazione nella vita, e che ora il suo destino era intrecciata con quella degli orsi. Egli ha attribuito il suo recupero da droga e alcool dipendenze del tutto al suo rapporto con gli orsi.Treadwell era noto per arrivare molto vicino agli orsi ha osservato, a volte anche toccarli e giocare con i cuccioli di orso. Tuttavia nel suo libro, ha sostenuto che era sempre attento con gli orsi e effettivamente sviluppato un senso di fiducia e rispetto reciproci con gli animali.Nell'ottobre 2003, Treadwell e la sua ragazza e il suo assistente medico Amie Huguenard. hanno visitato Katmai National Park. e decisero di fare campeggio vicino ad un ruscello, dove di solito gli orsi andavano a caccia di salmone Intorno a mezzogiorno di Domenica 5 ott 2003, Treadwell ha parlato con un socio a Malibu, in California per telefono.Treadwel aveva menzionato problemi con eventuali orsi. Il giorno dopo, il 6 ottobre, Willy Fulton, il pilota Kodiak aerotaxi, arrivò a loro campeggio a prenderli, ma ha trovato la zona abbandonata, e ha contattato i ranger del parco locale.sono stati scoperti in fretta su un indagine immediata.La testa di Treadwell sfigurato, colonna vertebrale parziale e l'avambraccio destro e la mano, con il suo orologio da polsoResti parziali di Huguenard sono stati trovati accanto alle tende strappate e crollate, in parte sepolte in un cumulo di rami e sporcizia. Un grande orso grigio maschio (etichettato Orso 141) tutelare il campeggio è stato ucciso dai ranger del parco durante il loro tentativo di recuperare i corpi. Un secondo orso adolescente è stato ucciso poco tempo dopo,Una autopsia sul posto di Bear 141 rivelato parti del corpo umano, come le dita e degli arti. L'orso più giovane è stato consumato da altri animali prima di poter essere sottoposti a necroscopia.Nella storia di 85 anni del Parco Nazionale di Katmai, questo è stato il primo incidente conosciuto di una persona che viene uccisa da un orso.Una videocamera è stato recuperato presso il sito, che ha dimostrato di essere stato di funzionamento durante l'attacco, ma la polizia ha detto che il nastro di sei minuti era vuoto; solo il suono delle loro grida agonizzanti.egista Herzog sostiene che il copriobiettivo della fotocamera è stata lasciata su, suggerendo che Treadwell e Huguenard erano nel processo di creazione di un altro sequenza video quando è avvenuto l'attacco. La macchina fotografica era stata accesa poco prima dell'attacco,presumibilmente Huguenard, ma la fotocamera registrato solo sei minuti di audio prima di rimanere a corto di nastro. Questo, tuttavia, è stato abbastanza tempo per registrare attacco iniziale dell'orso su Treadwell e le sue urla agonia, la sua ritirata quando Huguenard attaccò, il suo ritorno per portare Treadwell nella foresta, e le urla di Huguenard di orrore come lei è rimasta sola.Il nastro è ora di proprietà di Jewel Palovak, ex collega e fidanzata di Treadwell.Palovak ammette che possiede ancora il nastro, ma non ha ascoltato i suoi contenuti e dice che spera che non lo farà mai.Herzog ha dichiarato che Palovak dopo "si è separata dal nastro" mettendolo in un caveau di una banca.vi chiedo scusa del raconto un pò crudo.

Post popolari in questo blog

LA MOGLIE DI PABLO ESCOBAR

L'ora legale

L’orgia più grande del mondo