venerdì 8 maggio 2015

L'ULTIMO IMPERATORE -PIERINO BRUNELLI

Pierino è attualmente l'imperatore della Magna Romagna, Impero da lui creato a Pontecucco, in provincia di Cesena.Pierino Brunelli reso noto dalla trasmissione 'Mai dire TV' negli anni '90.Per chi non sapesse di chi si parla: un personaggio che dalla sua emittente “TV Imperiale Universale” esponeva il progetto politico di creazione del suo impero, programma che tra le altre cose comprendeva la fondazione della Magna Romagna, la ridefinizione del lunario e della valuta, e la fondazione di una Università Imperiale con rettore honoris causa Michail Gorbaciov.Brunelli nel 2004 ha inaugurato il sito del SUMFES, dove riassume il suo programma politico, in bilico tra socialismo utopico e delirio reale.ecco alcune sue citazioni.Il vostro futuro è in pericolo, siete nella mani di esseri senza scrupoli, il PADRE ONNIPOTENTE CREATORE mi ha inviato sulla TERRA per salvare l’UMANITA’, salvare l’UMANITA’ non significa tenere in vita tutti gli esseri umani, ma significa impedire che gli esseri umani malvagi continuino a sfruttare gli esseri umani puri e dare agli esseri umani puri il potere di riconoscere e respingere gli esseri umani malvaggi.Principio fondamentale: “La libertà” e la vita sono un diritto, il lavoro onesto produttivo è un dovere, colui che non vuole lavorare onestamente per produrre gli alimenti necessari non ha diritto ne di essere libero ne di vivere.n paradiso sono accettate le Donne che si comportano da Donne.
Quando una donna vuole esecitare una professione che dalla natura è stata destinata ad un uomo, non è più considerata una donna, pertanto non ha spazio in paradiso. Con questo non voglio dire che hanno libero accesso solamente quelle donne che stanno in mezzo ai polli: sono bene accettate in paradiso solamente quelle donne che sanno essere degne compagne dell’uomo, perchè sono state create dal creatore a soddisfare questo scopo, altrimenti l’Uomo si sarebbe sentito troppo solo sulla Terra.La Felicità è tutto nella vita. Purtroppo in questo tempo che tutto si può comprare, la felicità è l’unica cosa che non si può comprare. Felici lo si è o non lo si è.
Per essere completamente felici bisogna nascere completamente felici, perchè nei primi anni dell’infanzia si determina il soggetto. Se un individuo ha un’infanzia infelice rimane lesionato e le cicatrici di quelle ferite se le porta dietro per tutta l’esistenza. Quindi per nascere felici bisogna avere dei genitori felici.
I genitori per essere felici devono vivere in una casa dove aleggia la felicità, per permettere alla felicità di potere aleggiare in una casa bisogna che all’ingresso di questa casa ci sia il divieto di accesso per i parenti, perchè se questi vi mettono piedi dentro la felicità se ne va.Regole fondamentali per vivere un’esperienza serena e felice senza tanti acciacchi
Divertimento: Trascorrere almeno 2 sere alla settimana in compagnia di amici in balera e ballare lisci, dopo aver cenato in compagnia di tali amici.Alimentazione: Mangiare almeno una volta al giorno piadina imperiale, fatta dalle mani dell’imperatrice della casa, il che significa fatta dalle mani della donna casalinga, per contorno radicchio del proprio orto, accompagnato o no da cipolla, non dimenticando di bere un buon bicchiere di vino fatto in casa con uva pestata coi propri piediUnione Familiare: Fare l’amore almeno 365 volte all’anno dai 20 ai 60 anni per l’uomo e dai 16 ai 56 anni per la donna. Dopo sposati non convivere con i rispettivi genitori e incontrare i rispettivi genitori, suoceri e suocere meno di 1 volta al mese dentro la rispettiva casa propria. Naturalmente ci si può incontrare tutti i pomeriggi e tutte le sere dentro la casa sociale.Per non avere problemi economici: Non procreare più del dovuto, ogni coppia durante l’esistenza deve avere almeno un figlio e non più di tre, compreso maschio e femmina.L’anno solare è composto da 365 giorni e 6 ore (5h 48m), le quali vengono accantonate e ogni 4 anni formano un giorno, il quale viene aggiunto al mese RAGIONEVOLE. I giorni sono raggruppati in gruppi da sette e formano così la settimana: il giorno sesto e settimo sono considerati GIORNI LIBERI. Qualora l’attività dell’individuo lo tiene impegnato in tali giorni, ne gode altrettanti di liberà durante la SETTIMANA. L’anno è diviso in 12 mesi e 4 periodi.ECCO QUESTI SONO QUASI TUTTI I SUOI CUMUNICATI, LA VITA E BELLA PERCHE E ANCHE TINTARELLA.