venerdì 8 maggio 2015

CALCIO IN COSTUME

Il calcio in costume si svolge in occasione degli annuali festeggiamenti di San Giovanni, santo patrono della città.Si sfidano i quattro quartieri storici di Firenze ai quali è abbinato un colore:Bianchi di Santo Spirito,Rossi di Santa Maria Novella,Azzurri di Santa Croce,Verdi di San Giovanni.Le partite hanno una durata di cinquanta minuti e si disputano su di un campo lungo il doppio della larghezza, ricoperto di rena; una linea bianca divide il campo in due quadrati identici e sull’intero lato di fondo viene montata una rete nella quale deve essere messa la palla.Ogni squadra è composta da ventisette calcianti e non sono previste sostituzioni.Sono: quattro Datori Indietro (portieri), tre Datori Innanzi (terzini), cinque Sconciatori (mediani), quindici Innanzi o Corridori (attaccanti).L'incontro viene diretto dal Giudice Arbitro, coadiuvato da sei Segnalinee e dal Giudice Commissario che risiede però fuori campo. Al di sopra di tutti c'è il Maestro di Campo che sorveglia lo svolgersi regolare della partita e interviene per ristabilire l'ordine e mantenere la disciplina in caso di zuffe sul terreno di gioco.a partita ha inizio con il lancio del pallone da parte del Pallaio sulla linea centrale e la seguente “sparata” delle colubrine che salutano l'apertura delle ostilità.Da questo momento in poi i calcianti delle due squadre cercheranno (con qualunque mezzo) di portare il pallone fino al fondo del campo avversario e depositarlo nella rete segnando così la “caccia”. Ad ogni marcatura di caccia le squadre cambiano di campo. Le sue origini risalgono nel 16 ° secolo in Italia. il Calcio era riservato ai ricchi aristocratici che hanno giocato ogni notte tra l'epifania e la quaresima.Anche i papi, come Clemente settimo,leone undicesimo,e urbano ottavo erano noti per praticare questo sport nella città del vaticano. I giochi erano noti per diventare violenti come squadre gareggiavano tra loro per segnare. Questo gioco è stato probabilmente giocato già nel 15 ° secolo, tanto che alcune partite sono state organizzate completamente ghiacciato sul fiume arno nel 1490. In un storicamente famosa occasione, la città di Firenze ha tenuto una partita il 17 Febbraio 1530 a dispetto della truppe imperiali inviati da Carlo V, la città era sotto assedio. Nel 1574 da Enrico III di Francia che ha partecipato a una partita di "ponte di combattimento" - messo in suo onore durante una visita a Venezia; il re è registrato come dicendo: ". Troppo piccolo per essere una vera guerra e troppo crudele per essere un gioco.Le regole ufficiali del calcio sono stati pubblicati per la prima volta nel 1580 da  Giovanni de'bardi, un conte fiorentino.  La partita si gioca su un campo di sabbia, con una stretta fessura che costituisce l'obiettivo, se segue la larghezza ogni estremità. Ogni team comprende 27 giocatori che hanno il permesso di usare entrambi i piedi e le mani per passare e controllare il pallone. Obiettivi (o cacce) sono segnati da buttare la palla oltre il palo alla fine del campo. C'è un arbitro principale, sei guardalinee e un maestro di campo. Ogni partita si gioca per 50 minuti con il vincitore è la squadra con il maggior numero di reti segnate.